«Torna indietro

SCIE – Sistemi di Consolidamento di Imprese Educative

Asse imprenditorialità Misura 2.2

Il progetto nazionale – Codice IT-S2-MDL-007

Referente

CSL – Associazione Consorzio Scuole Lavoro

Partner
Piazza dei Mestieri Marco Andreoni
CERIS – Istituto di Ricerca sull’Impresa e lo Sviluppo di
Torino
COSIS S.p.a. – Compagnia Sviluppo Imprese Sociali
Valuenomics S.r.l.
CNA – Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della
Piccola e Media Impresa
Elabora Soc. coop. a r.l.
CDO – Associazione Compagnia delle Opere

L’intervento prevede di affrontare il problema del disagio giovanile con particolare riferimento alla dispersione scolastica e formativa, nonché di contribuire ad innalzare il tasso di occupazione di soggetti drop out. Alla base del percorso progettuale vi è l’intento di consolidare l’esperienza maturata dalla Fondazione Piazza dei Mestieri di Torino che, strutturando relazioni di rete sul territorio, ha messo a punto un modello organizzativo e funzionale di impresa educativa. Quest’ultimo è, pertanto, alla base delle sperimentazioni che la partnership si propone di realizzare nelle periferie delle città di Milano, Napoli e Catania, dove la combinazione tra disagio sociale e degrado urbano determinano per i giovani un’uscita anticipata dal sistema scolastico e una diminuzione delle opportunità di occupazione. L’obiettivo principale della PS è, quindi, quello di predisporre le condizioni necessarie per la nascita di tre realtà in ambito educativo, in grado di permanere sul mercato e capaci a loro volta di essere incubatori per nuove imprese sociali. Inoltre, a fronte di molteplici fattori di debolezza legati alla creazione e alla sostenibilità delle attività economico-sociali che operano a favore dei giovani, la PS mira allo sviluppo della rete. A tal proposito, lo scopo è quello di consolidare il rapporto tra le imprese e il sistema delle istituzioni pubbliche e finanziarie.

Il progetto transnazionale – Codice ACT 4199

G.O.L.D. (Giving Opportunities, Leaving Disadvantages)
I problemi comuni individuati dalle PS coinvolte sono quelli dell’abbandono scolastico, dei bassi livelli educativi, dell’esclusione sociale e della disoccupazione.
L’intervento, dunque, ha i seguenti obiettivi: scambiare metodologie e know-how per ridurre la disoccupazione, con particolare attenzione nei confronti di persone svantaggiate; scambiare le migliori prassi sulle strategie per superare le difficoltà di selezione del personale delle imprese; influenzare le politiche a livello locale, nazionale ed europeo sulla compatibilità con il mondo del lavoro, della formazione e delle scuole. Nello specifico, le scuole alle quali l’intervento si riferisce sono quelle per la Seconda Possibilità, esempio di centri polifunzionali locali con valore educativo e approccio integrato, sviluppate in Europa nel 1997 grazie a un progetto finanziato dalla UE.

Partner
Paesi Bassi / NL-2004/EQE/0001
Ungheria / HU-38

I commenti sono chiusi.